Valore in RSA

novità dal network delle RSA toscane

Valore in RSA

novità dal network delle RSA toscane
a cura di Agenzia regionale di sanità Toscana

Copertura vaccinale di operatori e residenti delle RSA toscane: i risultati dell'indagine 2021

27/12/2021
All’indagine, condotta nel mese a cavallo tra luglio e agosto 2021 via web, hanno risposto 1436 operatori, appartenenti a 125 RSA. Il numero dei direttori che hanno partecipato è stato 102.

Vaccinazione anti COVID-19

Come era auspicabile, è stata riscontrata una forte adesione alla vaccinazione anti COVID-19.

Il 97% degli operatori ha dichiarato di aver ricevuto almeno una dose di vaccino e oltre l’81% si dice favorevole all’introduzione dell’obbligo vaccinale per tutte le categorie di lavoratori in RSA. La risposta degli operatori è stata forte e volta a proteggere sé stessi, gli ospiti e tutti coloro intorno.

A tutto questo ha contribuito fortemente il Decreto legge n. 44 di aprile 2021, dove nell’articolo 4 il legislatore ha richiesto “al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell'erogazione delle prestazioni di cura e assistenza, gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi professionali sono obbligati a sottoporsi a vaccinazione gratuita per la prevenzione dell'infezione da SARS-CoV-2”.

vaccinazione antinfluenzale operatori residenti rsa 2021

I risultati per l’influenza e il confronto con le stagioni precedenti

I risultati delle indagini precedenti mostravano come la copertura vaccinale antinfluenzale degli anziani residenti fosse buona (circa 86%), mentre tra gli operatori socio-sanitari si attestasse sempre intorno al 21%, valore troppo basso ma – purtroppo- in linea con la letteratura scientifica.

Nella stagione 2020/21, il 39% degli operatori si è vaccinato contro l’influenza ed il 49% dichiara di volersi vaccinarsi nella stagione successiva. Questa tendenza appare come un chiaro segno dell’effetto COVID-19 sull’importanza della vaccinazione.

vaccinazione anti covid operatori residenti rsa 2021


Motivazioni pro o contro la vaccinazione e fonti informative utilizzate

L’operatore che decide di vaccinarsi lo fa principalmente per proteggere gli altri e non ammalarsi mentre non sono chiare le motivazioni di chi non si vaccina. Oltre l’80% ha scelto di vaccinarsi basandosi su campagne di vaccinazioni istituzionali e nel 70% consultando i mass media.
Il ruolo del medico di medicina generale quest’anno appare cambiato, configurandosi come una fonte di supporto per le informazioni (lo consulta il 60% degli operatori), ma non la più consultata com’era a inizio 2020.

Direttori, vaccinazioni e difficoltà nella gestione dell'emergenza sanitaria per COVID-19

Attraverso il questionario riservato ai direttori/responsabili di struttura abbiamo raccolto informazioni su come la COVID‐19 abbia modificato l’organizzazione e le relazioni interne ed esterne delle strutture.

La metà dei direttori si percepisce carente in tema di preparazione sanitaria (prima ondata) ma non organizzativa (86%), tant’è che oltre il 50% si è sentito ben preparato durante la seconda ondata.

Le maggiori difficoltà hanno riguardato la trasmissione dei referti dei tamponi e la gestione del personale, tra turnover e mancata conoscenza dello status vaccinale.

Guardando al futuro, oltre il 58% immagina che la propria struttura migliori le prestazioni sanitarie, integrandole ed ampliandole ulteriormente.

Copertura vaccinale nei residenti

Il 93,4% è vaccinato per la COVID-19 e l’86,5% per l’influenza; si raggiungono così livelli buoni in entrambe le vaccinazioni anche se persiste ancora una forte variabilità tra strutture circa la copertura antinfluenzale (min 19% - max 100%).



Questi sono solo alcuni dei risultati ottenuti da questa indagine; nel report troverete tutti i dettagli.

Ci auguriamo che le informazioni di questo report possano fornire una descrizione dello stato vaccinale delle RSA toscane e, al contempo, far crescere la sensibilità verso le vaccinazioni e, più in generale, sui vantaggi garantiti dai vaccini.

Pensiamo infatti che solo attraverso la condivisione di queste informazioni sia possibile migliorare l’adesione vaccinale e quindi la sicurezza di strutture, operatori e ospiti.

 

Per saperne di più: