Il piede diabetico: come prevenire e trattare le lesioni ulcerative

lesioni cute integrita cutanea
Che si intende per piede diabetico?

L’ulcera del piede diabetico è una delle complicanze del diabete mellito e viene definita dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) come la “condizione di infezione, ulcerazione e/o distruzione di tessuti profondi associate ad anomalie neurologiche e a vari gradi di vasculopatia degli arti inferiori”.
L’International consensus on the diabetc foot and practical guidelines on the management and prevention on the diabetic foot integra la definizione: “piede con alterazioni anatomofunzionali determinate dall’arteriopatia occlusiva periferica e/o dalla neuropatia diabetica”.

L’ambiente tendenzialmente zuccherino favorisce le infezioni e le rende di difficile soluzione.
La frequenza e la gravità del piede diabetico variano da una serie di condizioni sociali, economiche, igieniche, ma l’incidenza annuale varia da 2-4% e oltre. Due terzi dei pazienti con ulcere al piede guariscono, mentre per un terzo può essere necessaria l’amputazione. Una piccola lesione, se trascurata infatti, perché sottovalutata o a causa della scarsa percezione dolorosa, può facilmente degenerare.

La persona affetta da diabete mellito deve essere presa in carico da un team multiprofessionale e multidisciplinare attraverso un'integrazione ospedale/territorio che partendo dall’assessment lo accompagna al follow up. 

Quali sono i principali fattori di rischio

Non tutti i pazienti affetti di diabete mellito sono a rischio di ulcerazione. I principali fattori di rischio includono la presenza di neuropatia periferica, deformità del piede, malattia vascolare periferica, storia di ulcerazione del piede o amputazione di una parte del piede o della gamba.

Il piede diabetico si caratterizza per la presenza di ulcerazioni, spesso complicate da infezioni cutanee (ulcere infette) e ossee (osteomieliti) che, se evolvono verso la gangrena rendono l’amputazione l’unica soluzione terapeutica possibile; spesso sono contemporaneamente presenti segni legati alla neuropatia diabetica (piede neuropatico), all'arteriopatia diabetica (piede ischemico) e alle infezioni (piede infetto).

Piede diabetico: come classificarlo

La classificazione delle lesioni viene fatta attraverso l’utilizzo di due scale di valutazione:
  1. Texas Wound Classification System
  2. Wagner

Come prevenire il piede diabetico

Le lesioni ulcerative se non trattate in maniera opportuna possono portare a quadri di osteomielite che rappresenta un fattore di rischio per amputazione dell’arto. Per effettuarne la diagnosi, la radiografia può aiutare, ma il gold standard è rappresentato dalla biopsia ossea che fornisce informazioni certe di tipo istologico e microbiologico. 
Il piede diabetico comporta un significativo peggioramento della qualità di vita del paziente e del caregiver oltre ad una riduzione o perdita di produttività lavorativa. E’ la complicanza più rilevante in termini di impatto sociale ed economico: è causa di lunghi periodi di cure ambulatoriali, di prolungati e ripetuti ricoveri ospedalieri ed è la prima causa di amputazione non traumatica degli arti.

Pertanto, un programma di prevenzione del piede diabetico e la diagnosi precoce rappresentano strumenti di assoluta efficacia nel combattere le complicanze della patologia. In base alle linee guida recenti, la prevenzione del piede diabetico si articola in:
  • identificazione del piede a rischio
  • ispezione periodica ed esame del piede a rischio
  • educazione dei pazienti, caregiver e sanitari
  • calzature adeguate
  • trattamento lesioni pre-ulcerative.
La prevenzione si attua inoltre mantenendo i livelli ematici di glucosio nei livelli di normalità e con l’igiene corretta del piede attraverso l’osservazione di una serie di regole quali:
  • ispezionare e lavare ogni giorno i piedi
  • controllare la temperatura dell’acqua col gomito o col termometro
  • asciugare bene ma delicatamente, eventualmente con il phon
  • idratare il piede con creme specifiche
  • non usare callifughi o strumenti taglienti per le callosità
  • tagliare le unghie con forbice a punte smusse, arrotondare con lima di cartone
  • non camminare a piedi scalzi
  • non usare fonti calore dirette (borse d’acqua calda, calorifero, camino, etc.)
  • usare scarpe comode con punta rotonda e tacco non superiore a 4 cm
  • usare calze o calzini che non stringano e cambiarle ogni giorno
  • evitare calze o calzini con cuciture quando si calzano scarpe nuove, controllare il piede dopo pochi minuti di cammino.   


Le principali lesioni cutanee:

Lesioni da pressione
Skin tears
Lesioni vascolari
Lesioni di natura neoplastica
   




Una panoramica dell'impatto della pandemia sulle strutture di lungodegenza in tutto il mondo

covid rsa mondo
02/03/2021
Il lavoro The impact of COVID-19 pandemic on long-term care facilities worldwide: an overview on international issues descrive l'impatto epidemiologico del primo semestre della pandemia COVID-19 nelle strutture di lungodegenza di tutto il mondo, delineando possibili strategie per il futuro.
Leggi tutto...
Fondamenti delle cure palliative e della leniterapia: i video tutorial della Fondazione FILE per operatori e familiari

file formazione online
18/01/2021
Formazione pratica in risposta ai bisogni della persona fragile e della famiglia

Il percorso formativo online è stato ideato per fornire strumenti e competenze di base agli operatori delle residenze sanitarie assistite o di altre realtà cliniche attraverso la presentazione di una serie di video teorico-pratici realizzati da personale sanitario (medici, infermieri, psicologi, operatori socio sanitari, fisioterapisti) e volontario specializzato in cure palliative e accompagnamento al fine vita.

Leggi tutto...
Vaccinazione anti Covid in RSA: spazio web per segnalazioni e informazioni

RSA vaccinazioni
13/01/2021

L’assessore alle politiche sociali, edilizia residenziale pubblica e cooperazione internazionale in collaborazione con l’Agenzia regionale di sanità della Toscana hanno creato uno spazio web affinché le RSA possano richiedere informazioni o segnalare problematiche inerenti la vaccinazione di operatori e ospiti.

Leggi tutto...
Diffusione epidemica di COVID-19 e mortalità in RSA: alcune riflessioni

epidemia rsa valoreinrsa
03/02/2021
Due articoli scientifici che analizzano i dati italiani sul COVID-19 in RSA ci hanno portato a formulare alcune riflessioni. Il primo articolo The Italian national survey on Coronavirus disease 2019 epidemic spread in nursing homes, a firma dell’Istituto superiore di sanità (ISS) ha analizzato la diffusione epidemica del COVID-19 nelle RSA di tutta Italia, mentre il secondo Older People Living in Long-Term Care Facilities and Mortality Rates During the COVID-19 Pandemic in Italy: Preliminary Epidemiological Data and Lessons to Learn, scritto da un gruppo del nord Italia, ha approfondito il tema della mortalità confrontando i tassi negli anziani residenti in RSA nelle diverse regioni d’Italia rispetto alla popolazione generale anziana.

Leggi tutto...