Le vaccinazioni negli operatori sanitari: un escursus su malattie, benefici potenziali dei vaccini, effetti indesiderati, controindicazioni


La vaccinazione degli operatori è lo strumento fondamentale per la prevenzione ed il controllo della diffusione di tali malattie nelle strutture di ricovero e cura. L’obiettivo è quello di ridurre in modo sostanziale il numero degli operatori suscettibili e, di conseguenza, il loro rischio di acquisire pericolose infezioni occupazionali, così come di rappresentare fonte di trasmissione di patogeni prevenibili con la vaccinazione ai colleghi, ai familiari e, in particolare, ai pazienti. Questi ultimi sono spesso affetti da patologie (comorbosità) e da polifarmacoterapia che potenzialmente compromettono le capacità di risposta del sistema immunitario e potrebbero sviluppare gravi complicanze, anche letali, a seguito del contagio.

La base legislativa delle vaccinazioni negli operatori in ambito sanitario e socio-sanitario è il decreto legislativo 9 aprile 2008 n. 81, che all’articolo 279 recita:

“1 - I lavoratori addetti alle attività per le quali la valutazione dei rischi ha evidenziato un rischio per la salute sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria. 2 - Il datore di lavoro, su conforme parere del medico competente, adotta misure protettive particolari per quei lavoratori per i quali, anche per motivi sanitari individuali, si richiedono misure speciali di protezione, fra le quali: - la messa a disposizione di vaccini efficaci per quei lavoratori che non sono già immuni all’agente biologico presente nella lavorazione, da somministrare a cura del medico competente…”

Pertanto il medico competente dell’azienda, di cui l’operatore è dipendente, è responsabile dell’identificazione e della somministrazione delle vaccinazioni che devono essere effettuate sulla base di una valutazione del rischio.

Piano nazionale di prevenzione vaccinale e calendario vaccinale toscano


Il Piano nazionale di prevenzione vaccinale (PNPV) per il triennio 2017-2019 ed il calendario vaccinale della regione Toscana 2016 raccomandano fortemente a tutti gli operatori in ambito sanitario e agli studenti dei corsi di laurea e di diploma dell’area sanitaria, le seguenti vaccinazioni:
  • Difterite-Tetano-Pertosse (dTpa)
  • Epatite B
  • Influenza
  • Morbillo-Parotite-Rosolia (MPR)
  • Varicella


La vaccinazione anti-meningococco C in Toscana


Inoltre, a partire dai primi mesi del 2015 è stato registrato in Toscana un aumento dei casi di malattia invasiva da meningococco C (meningiti e sepsi) rispetto agli anni precedenti, in particolare nel bacino geografico ricompreso nella ASL Toscana Centro, anche nella fascia di età più adulta della popolazione. Sono state pertanto introdotte modifiche al calendario vaccinale regionale e sono state adottate alcune misure di prevenzione aggiuntive attualmente previste fino 31 dicembre 2018, che riguardano la popolazione generale. Le forme di offerta della vaccinazione antimeningococcica differiscono nelle tre ASL toscane in base all’età. La necessità di eseguire altri tipi di vaccinazione viene valutata dal medico competente sulla base delle specifiche condizioni dell’operatore (es. vaccinazione antitubercolare negli operatori ad alto rischio) o in base alle particolari condizioni epidemiologiche-ambientali che si possono verificare in specifici momenti.

Criticità nelle coperture vaccinali tra gli operatori sanitari


Nonostante la disponibilità di vaccini e la loro dimostrata efficacia nella prevenzione della malattia,la loro accettazione da parte dei professionisti in ambito sanitario continua a rappresentare un elemento di criticità e le coperture vaccinali risultano generalmente basse. Recenti epidemie di morbillo e di altre malattie prevenibili da vaccino, che hanno interessato anche gli operatori sanitari, hanno dimostrato che le coperture vaccinali sono ancora insufficienti.I dati diffusi dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore della Sanità, mostrano che nel 2017 sono stati segnalati 4.885 casi di morbillo di cui 315 in operatori sanitari. Aumentare la consapevolezza degli operatori sulle principali malattie prevenibili da vaccino e diffondere la cultura della prevenzione vaccinale rappresentano l’unico strumento per ridurre i casi di malattia, le complicanze e la mortalità.

Le principali vaccinazioni: informazioni sulle malattie, somministrazione dei vaccini, efficacia e controindicazioni

La vaccinazione contro Difterite-Tetano-Pertosse (dTpa)

La vaccinazione contro l'Epatite B

La vaccinazione contro l'influenza

La vaccinazione contro Morbillo-Parotite-Rosolia

La vaccinazione contro la Varicella

La vaccinazione contro il Meningococco C


Alcuni riferimenti importanti:
  • Centers for Disease Control and Prevention. Immunization of Health-Care Personnel. Recommendations of the Advisory Committee on Immunization Practices (ACIP). MMWR 2011;60 (rr-7): 1-45.
  • Centers for Disease Control and Prevention. Epidemiology and Prevention of Vaccine-Preventable Diseases. Hamborsky J, Kroger A, Wolfe S, eds. 13th ed. Washington D.C.: Public Health Foundation, 2015.
  • Circolare del Ministero della Salute n. 25233 del 16/08/2017. Circolare recante prime indicazioni operative per l’attuazione del decreto legge n. 73 del 7 giugno 2017, convertito con modificazioni dalla legge 31 luglio 2017, n. 119, recante “Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale, di malattie infettive e di controversie relative alla somministrazione di farmaci”.
  • DGRT 1020 del 27/12/2007 della RT ed allegati “Aggiornamento direttive regionali in materia di vaccinazioni. Revoca delibere n. 1249 del 24/11/2003, n.379 del 7/3/2005 e n.1060 del 10/10/2000. Modifica delibera n. 1386 del 17/12/2001.”
  • DGRT n. 85 del 16/02/2016 “Prevenzione della diffusione del meningococco C in Toscana. Ulteriori interventi per la promozione della vaccinazione e per lo studio e l'analisi delle possibili cause. Modifica deliberazioni della Giunta regionale nn. 391/2015, 1292/2015, 45/2016 e prenotazione delle risorse”.
  • DGRT n. 1374 del 27/12/2016 “Aggiornamento del calendario vaccinale della Regione Toscana e prosecuzione delle misure straordinarie di profilassi per contrastare la diffusione dell'infezione da meningococco C”.
  • D.lgs n 81 del 09/04/2008 Testo Unico Sulla salute e sicurezza sul lavoro.
  • http://www.epicentro.iss.it/temi/vaccinazioni in EpiCentro, portale di Epidemiologia del Laboratorio di Epidemiologia dell’Istituto Superiore di Sanità.
  • Gallo G, Mel R, Ros E, Filia A. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. Quinta ed. Luglio 2017.
  • Ministero della salute. Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2017-2019. G.U. Serie Generale, n. 41 del 18 febbraio 2017.
  • Leone Roberti Maggiore U, Scala C, Toletone A. Susceptibility to vaccine-preventable diseases and vaccination adherence among healthcare workers in Italy: A cross-sectional survey at a regional acute-care university hospital and a systematic review. Hum Vaccin Immunother. 2017 Feb;13(2):470-476.