La qualità dell'assistenza nelle cure di fine vita in Toscana nel report ARS con i dati 2016

curepalliative report ars 2017 risultati
04/06/2017
L'Agenzia regionale di sanità ha da poco pubblicato un Report sulla qualità delle cure nel fine vita che costituisce la versione più snella del Documento ARS n. 93, uscito a maggio 2017. Rispetto a quest'ultimo sono stati aggiornati i dati e introdotti altri indicatori.

Questa necessità è derivata dall’interesse suscitato tra i professionisti della nostra regione e dall’entrata in vigore della legge 219/2017 che regolamenta il consenso informato e le Disposizioni anticipate di trattamento (DAT).

Mantenere alta l’attenzione su questo tema diventa quindi una priorità, monitorando il profilo assistenziale nell’ultimo mese di vita, sia dei pazienti oncologici che di quelli affetti da patologie croniche, nell’ottica del miglioramento continuo del nostro sistema sanitario.

La realtà fotografata nel report è una realtà ancora centrata su cure ad alto livello di intensività e invasività. Invece, si riscontra in latteratura che nei casi di malattie in fase terminale i desideri dei pazienti e delle loro famiglie vanno nella direzione opposta. Inoltre, malgrado la consapevolezza di una specificità territoriale, non sempre si riesce a rappresentarla con precisione tramite i flussi amministrativi, con conseguente rischio di sottostima dei dati.

L’immagine che ne risulta è quella di un’attivazione troppo tardiva e poco pianificata delle cure palliative e che vede la necessità di migliorare prioritariamente gli atteggiamenti culturali dei medici e la comunicazione con il paziente.


Per saperne di più: