Influenza: raccomandazioni ministeriali e dati sulle coperture vaccinali negli anziani in Italia e in Toscana

influenza vaccinazione europa
23/09/2020
Nella prossima stagione influenzale 2020/2021, ormai alle porte, vi sarà una co-circolazione di virus influenzali e SARS-CoV-2. Per questo motivo, si rende necessario ribadire l’importanza della vaccinazione antinfluenzale, in particolare nei soggetti ad alto rischio di tutte le età, per semplificare la diagnosi e la gestione dei casi sospetti, dati i sintomi simili tra Covid-19 e influenza. Vaccinando contro l’influenza, inoltre, si riducono le complicanze da influenza nei soggetti a rischio e gli accessi al pronto soccorso.

Per quanto riguarda i professionisti sanitari e socio-sanitari che operano a contatto con i pazienti e gli anziani che risiedono in strutture residenziali o sono ricoverati in strutture di lungo degenza, la vaccinazione è fortemente raccomandata nella prospettiva di una iniziativa legislativa che la renda obbligatoria.

Vista l’attuale situazione epidemiologica relativa alla circolazione di SARS-CoV-2, il Ministero della salute ha già pubblicato un documento di raccomandazioni, in cui si esorta ad anticipare la conduzione delle campagne di vaccinazione antinfluenzale a partire dall’inizio di ottobre e offrire la vaccinazione ai soggetti eleggibili in qualsiasi momento della stagione influenzale, anche se si presentano in ritardo per la vaccinazione.

Vaccinazioni antinfluenzali negli anziani: Italia 52% nel 2018, bene rispetto alla media europea, ma ancora lontani gli obiettivi di copertura

Come vediamo dall'immagine in alto tratta da Eurostat, la Commissione Europea ci informa che nel 2018 l’Italia aveva una copertura vaccinale contro l’influenza negli over 65 pari al 52,7% rispetto una media europea del 41,4%.

Apparentemente il dato italiano può sembrare confortante, ma non è così perché l’obiettivo minimo, definito dai Livelli Essenziali di Assistenza, è di arrivare al 75% e quello ottimale di coprire il 95% di tutti i target a rischio.

Nella prima metà degli anni 2000, l’andamento dei dati di copertura del vaccino antinfluenzale, negli over65, mostrava un trend positivo. A partire dalla stagione 2009/10 si è osservato un drastico calo, passando da una copertura del 65,6% al 48,6%, registrato nella stagione 2014/2015. Dalla stagione 2015/16 l’andamento mostra un costante aumento della copertura vaccinale arrivando al 54,6% dell’ultima stagione.


influenza vaccinazione copertura anni italia
Fonte: Elaborazioni del Ministero della Salute - Istituto superiore di sanità, sulla base dei riepiloghi inviati da Regioni e Province autonome - 3 agosto 2020. Immagine tratta dal portale Influenza del Ministero della salute

Vaccinazioni antinfluenzali negli anziani: in Toscana da una copertura di circa il 70%, forte calo e leggera ripresa fino al 56%

In Toscana, per la stagione 2007/2008, partivamo da una copertura del 69%, percentuale non lontana dalla soglia ministeriale minima; nel 2009/2010 la AUSL Centro era riuscita a raggiungere il 72%.

Poi, anche per noi, il drastico calo fino a toccare il picco minimo del 48,5% nella AUSL Nord-Ovest per la stagione 2013/2014. Dal 2014/2015, la lenta crescita fino al dato più recente del 2017/2018 con una copertura regionale pari al 56%.

influenza vaccinazione copertura anni toscana
Immagine tratta dal portale dati ARS Toscana


Più confortante invece il dato raccolto da una recente indagine del network Valore in RSA su 28 RSA della Toscana, poiché la copertura vaccinale contro l’influenza negli anziani residenti in RSA nella stagione 2017/2018 raggiungeva l’86%.

Dato che il tema Coronavirus e influenza stagionale è importante e di attualità, pensiamo di approfondirlo ulteriormente, seguiteci!!



Per saperne di più: