Indicatori del processo assistenziale di nutrizione in RSA: appena pubblicato lo studio dei ricercatori fiorentini

Leggi tutto...
15/02/2018
La qualità dell’assistenza in RSA è un aspetto estremamente rilevante, di ampio dibattito internazionale e costituisce una sfida per coloro che si occupano di politiche sanitarie. Anche in queste strutture, la valutazione della qualità dell'assistenza può essere affrontata secondo l’approccio di Donabedian che la riconduce a tre domini essenziali:
  • struttura
  • processi
  • esiti di salute.

Leggi tutto...

Vaccinazione antinfluenzale negli anziani: è possibile determinarne l'impatto economico?

Leggi tutto...
30/11/2017
L’influenza stagionale è una malattia estremamente contagiosa con rischi di complicanze e di morte soprattutto per categorie di soggetti a rischio, tra le quali sono compresi gli anziani. La vaccinazione costituisce il più comune ed efficace intervento di prevenzione.

Negli anziani, la vaccinazione antinfluenzale risponde al duplice scopo di prevenire la diffusione del contagio e diminuire il peso delle complicanze associate alla patologia.

Leggi tutto...

Età, prossimità al decesso e spesa sanitaria

Leggi tutto...
23/10/2017
L’analisi delle banche dati della farmaceutica ha permesso di riscontrare come siano i deceduti – piuttosto che i sopravvissuti – ad utilizzare costantemente più farmaci, specialmente negli ultimi 6 mesi di vita.

L’età del paziente in prossimità del decesso non avrebbe alcuna relazione con l’incremento dei trattamenti sostenuti nella vicinanza dell’ineluttabile.

Confutare l’età come driver delle spesa sanitaria non è cosa banale, soprattutto perché tale operazione innesca tutta una serie di nuove considerazioni sulla mortalità nell’ambito delle previsioni di spesa.

Leggi tutto...

Non si è mai troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. Epicuro, 271 A.C.

Leggi tutto...15/09/2017
Troppo giovani, troppo vecchi: il pregiudizio sull'età è il testo, breve ma molto esaustivo, di Angelica Mucchi Faina (editore Laterza) che tratta dell’ageism o ageismo.

Il termine ageism è stato coniato negli anni ’70 da Robert Butler, uno psichiatra gerontologo che vinse anche il premio Pulitzer. Butler aveva notato atteggiamenti ostili e discriminatori verso gli anziani, ed una certa repulsione nei confronti dell’invecchiamento, delle malattie e dell’invalidità, ed in definitiva della morte, ma il termine è stato allargato anche ai bambini, ai più giovani, oltre che agli anziani.

Leggi tutto...

Infezioni correlate all’assistenza in RSA: una esperienza di intervento formativo efficace dagli Stati Uniti

Leggi tutto...
30/05/2017
Commento all’articolo:
An online course improves nurses’ awareness of their role as antimicrobial stewards in nursing homes.
Wilson BM, Shick S, Carter RR, Heath B, Higgins PA, Sychla B, Olds DM, Jump RLP.
Am J Infect Control. 2017 May 1;45(5):466-470.

Leggi tutto...

Al centro del metodo Validation di Naomi Feil la relazione con l'anziano

Leggi tutto...
19/04/2017
Naomi Feil nasce a Monaco di Baviera, in Germania, nel 1932, cresce nella casa per anziani di Montefiore di Cleveland, nell’Ohio, dove suo padre era direttore e sua madre a capo del servizio sociale.

Laureata alla Columbia University dello Stato di New York non è soddisfatta degli approcci che comunemente vengono utilizzati nella relazione con i grandi anziani, in particolare con gli anziani con deterioramento cognitivo, che comunemente venivano isolati, o ignorati, perché troppo disturbanti e la relazione era considerata inutile, una perdita di tempo.

Leggi tutto...